Dolci lievitati in Italia, burger all’estero. Il Natale veg 2017

 

Pandori e panettoni, panini e sandwich di pastinaca e zucca. Il Natale è sempre più vegan, sia in Italia sia all’estero.

Lo dimostra il Rapporto dell’Osservatorio VEGANOK in merito ai dati relativi all’andamento dei consumi alimentari per le festività natalizie 2017. Quest’ultimo anno ha visto un aumento dei lanci di levitati  vegani per il Natale. Offerta quasi quadruplicata rispetto all’anno precedente.

 

 

E se in Italia a farla da padrone sono i pandori e i panettoni, all’estero, si legge nel rapporto, approdano nei supermercati nuovi prodotti in vista del Natale:

Nel solo Regno Unito quest’anno Marks and Spencer ha lanciato nei primi giorni di novembre il Christmas Vegan Wrap.

Mentre Tesco ha arricchito la tradizionale gamma di panini dedicati alle festività aggiungendo per la prima volta un burger vegano a base di cavolo rosso, carote, patate fritte, mela, cannella, salvia, cipolla e maionese vegana.

Analogamente il gigante Boots ha lanciato i primi di ottobre un sandwich vegano come parte della sua linea dedicata alle festività a base di pastinaca e zucca.

 

Da noi (fortunatamente..) è invece la tradizione ad avere la meglio. I panettoni vegan sono sugli scaffali della grande distribuzione, e sono principalmente caratterizzati da impasti di grani antichi e biologici, e una lievitazione naturale con pasta madre. Gusti semplici, tipici del Natale, rivolti ai quasi due milioni di italiani che hanno scelto lo stile di vita vegano.

Ma attenzione attenzione, sappiate che il panettone veg, in realtà, per definizione non può esistere. Il panettone, infatti, per esser tale deve contenere uova e burro. Va beh, ce ne faremo una ragione. Perché panettoni o “dolci lievitati” che siano, il risultato è lo stesso: ormai sul mercato se ne trovano di buonissimi. E sani.

 

 

Il 2017, anno iniziato con l’inserimento dei prodotti vegani nel paniere ISTAT, termina con l’inserimento sugli scaffali di GDO e specializzati di una trentina di “Dolci di Natale Vegani”: non solo prodotti artigianali, ma anche di grandi nomi dell’industria pasticcera delle ricorrenze (tra cui Vergani e Paluani in primis), e con l’ingresso nel mercato dei lievitati natalizi dei marchi storici del Bio e Veg, che da sempre hanno scelto il vegano.

E, come conclude il rapporto dell’Osservatorio:

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i Dolci di Natale Vegani sono caratterizzati prevalentemente da una forte vocazione tradizionale, con impasti semplici che –assenza di uova e burro a parte- sono perlopiù classici, con farina di frumento, uve e e canditi. In secondo luogo, sul fronte della componente base, si nota una certa preponderanza di grani antichi, farro e Senatore Cappelli, che caratterizzano circa il 39% delle referenze a scaffale. Oltre il 50% dei prodotti vanta la lievitazione naturale, con lievito di pasta madre. Il 70% delle referenze sono certificate biologiche. Il 51% aderiscono al disciplinare VEGANOK.

Insomma, almeno a Natale bando a diete e ristrettezze, i dolci vegan ci sono e sono buonissimi. Godiamoci le feste 😉

 

 

0 Comments

X