Alghe. Spirulina, Wakame, Kombu, Agar-Agar…un concentrato di virtù

Alghe. Le conosciamo ancora poco, difficile che in cucina le si usi, eppure meritano sicuramente d’essere scoperte. Perché sono ricche di virtù benefiche, perché si prestano alla preparazione di numerosi piatti, perché hanno alle spalle tradizioni e usi antichissimi.

 

Proprietà

Cominciamo dalle proprietà. Tante. Esistono molti tipi di alghe, se ne contano oltre 20 mila specie, ognuna delle quali presenta particolari composizioni nutrizionali. In generale le alghe sono ricche di proteine (la spirulina ne è composta addirittura per il 35%), contengono molti sali minerali, vitamine, oligoelementi, iodio. Costituiscono una preziosa fonte della tanto famigerata e rara vitamina B12, sono quindi particolarmente preziose per la dieta vegana.

Le alghe possono apportare all’organismo numerosi benefici. Una delle loro componenti è l’algina, capace di depurare il corpo da sostanze tossiche e metalli pesanti. Sono utili contro i disturbi di stomaco e intestino, aiutano a combattere l’acne, attivano il metabolismo e la circolazione, sono utili per combattere bronchiti, asma e anemia. Sono controindicate solo a chi soffre di ipertiroidismo, perché l’alto contenuto di iodio stimola la tiroide.

 

Oltre 20 mila specie

Esiste una grande varietà di alghe. Molte sono arrivate sulle nostre tavole, è possibile reperirle senza problemi nei supermercati sotto casa, sono davvero alla portata di tutti. E allora perché non provare a introdurle nella nostra dieta quotidiana?! Cucinarle è semplice. Ecco un elenco delle principali alghe alimentari:

 

  • Wakame

Molto ricca di calcio, proteine e amminoacidi essenziali, è utile per dare tono e vigore all’organismo, combatte la stanchezza e la fragilità di unghie e capelli.

L’alga wakame spesso si trova in vendita essiccata. E’ l’ideale per chi vuole cominciare a introdurre le alghe nella propria dieta, perché ha un sapore delicato. Può essere mangiata cruda, magari insieme all’insalata, dopo esser stata reidratata in acqua per qualche minuto. Oppure la si può far cuocere per preparare zuppe, legumi, riso.

 

  • Kombu

Contiene molto iodio, sali minerali, fibre. Ha potere drenante e disintossicante e aiuta ad accelerare il metabolismo. In genere la si usa per cuocere i legumi, cottura dei legumi, perché li rende più morbidi e digeribili.

  • Spirulina

E’ forse tra tutte le alghe la più apprezzata, per le sue infinite proprietà. E’ molto ricca di proteine e vitamine, che svolgono un’azione tonificante ed energizzante. Ma ha anche proprietà antiinfiammatorie e abbassa i livelli di colesterolo nel sangue. Inoltre non contiene iodio, è quindi adatta anche a chi ha problemi di ipertiroidismo.

La si trova in polvere e più essere usata in moltissimi modi. Spolverizzata su insalate e cereali, o mescolata con latti vegetali, smoothie e centrifugati. La si usa spesso anche per preparare gnocchi originali. Non deve però cuocere troppo, o perde le sue proprietà.

  • Arame

Ricca di fibre, con pochissime calorie, è un’ottima fonte di calcio, ferro e magnesio. E’ usata per cucinare zuppe, ma anche antipasti e dolci. Ha un sapore delicato, adatto a tutti.

 

  • Nori

E’ forse la più conosciuta, perché è quella che si usa per fare il sushi. Contiene molte fibre, i preziosi omega 3, minerali e vitamine. E’ una fonte preziosa di ferro. In genere la si trova in fogli e la si usa come involucro…provate a preparare con le vostre mani un fantastico sushi veg seguendo la nostra ricetta 😉

 

  • Agar – Agar

Molti la conoscono come addensante per preparare ottimi budini vegan. Ebbene sì, si tratta di un’alga, molto versatile, utilissima anche per creme e marmellate.

 

 

 

0 Comments

X