Seitan, dall’oriente un concentrato di proteine vegetali

 Il “seitan” è un prodotto di origini orientali, tipico della tradizione culinaria giapponese, e un’ottima alternativa vegetale alla carne. Scopri le sue proprietà e come preparare un’ottimo seitan in
casa.

Come preparare il seitan in casa

Il prodotto si ottiene impastando per molto tempo la farina di semola con l’acqua calda; poi l’impasto viene fatto bollire nell’acqua con l’aggiunta di salsa di soia, alga kombu, zenzero, cipolla, sedano, carota, aglio, rosmarino, salvia e pepe; dopodiché l’impasto viene filtrato e sottoposto a cicli di lavaggio in acqua calda e fredda per eliminare l’amido ed estrarre il glutine. L’ultimo lavaggio viene effettuato con acqua fredda, in modo da dare una consistenza solida al prodotto e compattarlo in una grossa palla.

Il seitan in commercio

In commercio si può trovare al naturale, a cubetti, affettato, liofilizzato, a forma di salsicce, di bistecche e di wurstel.

Il costo del seitan varia dai 3 ai 4 euro per 200 grammi di prodotto. L’aspetto è molto simile alla carne; mentre la consistenza è morbida, il sapore è neutro, anche se questi ultimi valori dipendono se il seitan è stato prodotto artigianalmente o a livello industriale.

Come utilizzare il seitan in cucina

Viene utilizzato in sostituzione della carne quindi solitamente si usa per preparare i secondi, o per rielaborare piatti della cucina tradizionale come la pasta al forno o le lasagne.

Tra i vari utilizzi ricordiamo i medaglioni di seitan con verdure e legumi; le scaloppine con limone e olive; il seitan impanato con farina di ceci e pan grattato fritto in poco olio; il ragù di seitan con polpette o spezzatino; il seitan cotto sulla piastra come una fettina; le crocchette di seitan e le salsicce. Il prodotto può essere utilizzato anche crudo, basterà ridurlo a straccetti o a cubetti e condirlo con olio, sale e limone, una volta fatto insaporire si può usare come contorno o per arricchire un’insalata.

Le proprietà del seitan 

Essendo un alimento ricavato dal glutine non è idoneo alle persone malate di celiachia; è sconsigliato a tutti coloro che sono intolleranti o che sono affetti da diabete.
I carboidrati in esso contenuti hanno un alto indice glicemico e tendono a far innalzare bruscamente la glicemia dopo l’ingestione. È consigliabile consumare questo alimento una volta alla settimana perché è ricco di proteine. In particolare ogni 100 g di seitan contiene 168 calorie suddivise in 58,2 g di acqua, 36,1 g di proteine vegetali, 0,4 g di grassi e 5,2 g di carboidrati.

È un valido aiuto per coloro che hanno problemi di colesterolo in quanto aiuta a ridurlo ma, attenti perché dal punto di vista nutrizionale ha dei punti deboli, ad esempio non contiene alcuni amminoacidi tra cui la lisina e ha un basso contenuto di ferro e di vitamina B12. Il seitan è un alimento di facile digestione che garantisce l’energia giusta, per questo, è indicato in tutte le fasce d’età, dall’infanzia alla vecchiaia. Può essere inserito nelle diete dimagranti o nei regimi alimentari che mirano a tenere sotto controllo il colesterolo.

0 Comments

X